Domenica con papà, un dolce rituale

domenica bimbo sonno

La domenica, la domenica
non è un giorno è uno stato dell’anima,
la domenica quando termina
ultimo soffio, ultimo bacio, ultima lacrima.

La nascita di un figlio è sicuramente la rivoluzione industriale, copernicana e russa messe insieme. Non posso negarlo. Tutto cambia dai ritmi ai rapporti per un motivo unico e magico.

Certi piccoli dettagli, però, rimangono invariati anche dopo il big bang.
La domenica, per esempio, è un isolotto sicuro in mezzo all’oceano, dove approdare quando si è stremati dalla routine e dal quale rituffarsi nel quotidiano della settimana successiva. Siamo abituati a gitarelle e grigliate in primavera ed estate, ma adesso che i venti artici ci attanagliano bisogna fare poche cose, stare in casa, avere calma, riprendere le energie, ricaricare le pile.

La nostra domenica fatta di piccoli dolci rituali:

  1. La sveglia eliminata da qualsiasi forma di allarme analogico o digitale
  2. La colazione tarda e abbondante, magari al bar con i regaz
  3. La passeggiata catatonica, anche solo casa–bar, l’importante è il vuoto cosmico dentro
  4. Il pranzo sovrappopolato di avanzi
  5. La pennichella pomeridiana accompagnata da sport televisivo
  6. Il take away serale, non si cucina, subito pronti per…
  7. Il filmone soporifero, solitamente Orso d’Oro a Berlino

Su questi punti cardinali ci siamo allineati tutti e tre senza nessuno sforzo. Sembra proprio che come trascorrere la domenica sia un’informazione genetica trasmessa via DNA. Tutto da dimostrare, ma a me pare così.
Probabilmente per Peter è domenica tutti i giorni, tra un po’ forse lo sarà anche per me (e qui vi spiego il perché). Più avanti le domeniche diventeranno dei giganteschi lunedì, stracolme di attività a presenza obbligatoria. Per poi tornare vuote e piene, gonfie e vuote, a seconda dell’evoluzione del bambino e delle sue necessità.

Per ora, spapparanzato sul divano, pupo addosso, partita a volume basso, mi godo i minuti che scorrono lenti ma piacevoli, sperando vadano in loop per un po’ dimenticandosi di noi.

Mi piace prendere questa giornata come un regalo del tempo, un’offerta 3×2 dove ogni sei giorni intensi il settimo è in omaggio.

La Nonna Bielorussa è arrivata

nonna bielorussa ombrello rosso

La Nonna Bielorussa è arrivata
Lasciando dietro sé una scia stellata
Dal suo gigante ombrello, che sembra disegnato
Rosso come il caviale che in dono ci ha portato. 

Per quante dicerie sulle suocere abbia sentito, gag televisive, barzellette da cabaret degli stereotipi, io con la mamma di mia moglie sto benone.
Sarà perché ci vivo un paio di settimane all’anno?
Comunque sia, abbiamo stretto un forte legame.
Siamo pianeti di galassie diverse, comunichiamo con suoni e gesti e abbiamo condiviso tanti momenti senza nessuna traduzione.
Questo a me basta per essere immune allo Zelig.

Detto ciò, mai come ora la sua presenza è gradita.
Vederla scendere dal treno con il suo carico di energia nucleare, nonostante il suo viaggio transiberiano Minsk – Vilnius – Milano – Bologna, mi rivitalizza come vento fresco dell’est dopo una sbornia notturna. Ero ubriaco d’amore, cosa credete.

Come ogni Babushka che si rispetti, ha un regalo per ogni complimese di Peter che non ha potuto festeggiare. Tutti scelti con cura montessoriana, dai libri illustrati dalle sue allieve ai moduli in betulla naturale. Solo il caviale e la piccola bottiglia di vodka sono un po’ fuori tema. Ah no, quelli sono per noi.
Ma la sua borsa non finisce mai? Troppo facile il parallelo con Mary Poppins.

Finiti i regali, iniziano i giorni in compagnia di Peter.
E qui l’esperienza pluriennale con le altre due nipoti, le nostre cuginette bielorusse, si fa sentire. Il CV parla chiaro. Sono solo caldi sorrisi e larghe intese. A parte quando non riusciva a slacciare la cintura del passeggino e la Tigre del Bengala ha lanciato il suo ruggito.
Mi fa strano pensare a come si formerà la coscienza del bimbo, metà italiana e metà russa, Sicuramente sono molto contento di questo alto livello di internazionalità, me lo immagino già in giro per il mondo tra qualche anno : – )

Quali vantaggi porta una Nonna Bielorussa in casa

  1. Finalmente si esce una sera da soli io e Masha, sembrerà il 2016
  2. Sei braccia e sei occhi is megl che quattro
  3. Faccio lezioni di russo gratis tutto il giorno, modalità avanzata, scarsi risultati
  4. Il livello di ansia di tutta la famiglia è calato del 15%
  5. A cena si alterna cucina russa, bolognese, russa, bolognese, russa, …
  6. Pulisce, stira e lava contemporaneamente, senza farti sentire in debito

Mentre quali vantaggi porta un papà italiano ve lo racconto QUA

Identikit della Nonna Bielorussa

Soprannome: Babushka
Anni:
 58
Figli: 2
Figli dei figli: 3 (nipoti)
Outfit:
 Cappotto scuro e ombrello rosso, anche d’estate.
Lingue: Russo, Bielorusso, Polacco, Italiano ubriaco.
Professione: Insegnante e vice-preside del Collegio Artistico di Minsk.
Hobbies: andare alla scoperta di pittori italiani dei quali noi (capre) non conosciamo neppure l’esistenza, bulleggiarsi di essere in Italia con le sue amiche, via social.
Cibo: zuppe di ogni colore, tipo pozioni magiche.
Pro: instancabile, solare anche con l’ombrello, piena di interessi strampalati.
Contro: irrefrenabile, iperattiva, è una semi-preside (divinità malvagia dei miei ricordi adolescenziali).
Record: 2 mostre d’arte, 1 castello, 8 chiese visitati in 10 giorni di babysitter a tempo pieno.

Si scrive борщ si pronuncia Borsh

A me sinceramente non fa impazzire, soprattuto dopo che ci ho fatto colazione, pranzo e cena per due giorni : – (
Però è una delle prime parole che ho imparato in russo, a forza di sentirlo nominare.

Volete sapere come si prepara?
ECCO QUI LA PRIMA RICETTA A CASO TANTO IL SAPORE NON CAMBIA 

A cosa serve il Papà?

mamma allattamento bebè sorriso

Ammettiamolo, a cosa serve la Mamma lo sanno tutti.
Lo sa anche il bimbo appena esce dalla pancia.
Ma allora a cosa servo io?

Qualche idea me la sono fatta in questi mesi.
Grazie alle sagge ostetriche del corso pre-parto, ma soprattutto a Peter e Masha, che in ogni momento mi hanno comunicato, più o meno direttamente, le loro volontà e necessità del momento.
Posso quindi affermare che nel mio caso ci sono state diverse fasi di utilizzo del soggetto Papà. Procediamo con ordine.

Fase 1. La dolce ombra
Prima del parto, durante e immediatamente dopo, la mamma è giustamente il centro del mondo. Sensibilità a manetta. Ogni cosa deve filare liscia come l’olio di semi di lino. Essere presenti con l’outfit sbagliato potrebbe già infastidirla.
Quindi si diventa dei ninja. Un’ombra d’amore.
Il gioco di anticipo è la tattica, l’empatia l’arma segreta, il silenzio la chiave.
La parte più difficile per chi, come me, è abituato a fare sempre un gran casino. Ma anche quella più significativa, dove i piccoli gesti impercettibili diventano le grandi soddisfazioni quotidiane.

Fase 2. La macchina da guerra
Quando tutto sembra tornare a posto (ma è solo un’illusione ottica) allora si può iniziare ad essere operativi di nuovo.
Ora sì che c’è da fare concretamente qualcosa, altroché piccoli gesti.
Lava, prepara, sgombera, sistema, proteggi, porta qui e riporta di là. E compra tutto quello che mi sono dimenticato di acquistare prima. Amazon funziona maleficamente bene.
Peter nasce a Maggio. Io riesco a giocarmi la carta part-time da Giugno a Settembre. E sono mesi fantasmagorici.
Ma che ve lo racconto a fa’ — già avrete capito.
Per me è stato molto positivo tornare ad essere un cuoco, un maggiordomo, un autista, un fattorino, un operaio, un uomo delle pulizie per quanto sia impacciato con i bagni e le superfici lavabili.
Sentirsi utili aiuta prima di tutto sé stessi. Anche se il periodo dei piccoli gesti mi ha fatto crescere tanto nell’arte dello zen quanto in quella della psicologia pro-attiva.

Fase 3. Eroi in azione
Il punto di inizio e non ritorno di questa fase è netto, epico.
Solitamente un evento così drastico che lo si immortala con una foto, un aneddoto da raccontare ai parenti, un post sul blog.
Nel mio caso è stato l’affidamento totale di Peter dalle 5:00 alle 23:00 il giorno 20 Dicembre 2017. Ho fatto un piccolo tatuaggio tribale cinese in memoria di questa esperienza, più avanti vi racconterò nel dettaglio.
Immaginatevi di passare da soldato semplice a capo di stato maggiore, senza nessun particolare addestramento, dall’alba al tramonto.
A me è sembrato qualcosa di eroico. Una giornata pazzesca e risultati ottimi su tutti i fronti: alimentazione, divertimento, pulizia del bimbo.
Dopo questa, tante altre missioni speciali ad alto rischio mi sono state affidate, tra le quali: soppressione poppata notturna (quindi dormire da solo tutta la notte con Peter), controllo quotidiano proprietà organolettiche cacca, e tra qualche settimana, supervisione totale dalle 10:00 alle 18:00.

Dalle Fase 4 in poi ve ne parlerò quando ci sarò arrivato. : – )

Avete capito quindi a cosa sono servito come Papà?
Sì, esatto, ad insegnare a Peter quello che Mamma vieta di fare!

Oggi nasce Dandy Daddy

me_bianconero

Oggi inizio a scrivere.
E c’è un motivo:

Ho deciso di fermarmi un attimo dal quotidiano 8×5,
approfondire senza ansie le mie passioni,
dedicare il tempo a mia disposizione a chi mi circonda,
in particolare alla famiglia, a mio figlio.

Sono Padre, Marito, Musicista, Viaggiatore
e tra qualche mese ex Sales Manager informatico.
Ma ora ho una sola idea in testa: cambiare radicalmente il mio modo di vivere.

Tutti attorno sono già preoccupatissimi  ; – )

La prima festa d’Estate

Ehi tu cosa mi guardi?
Che cosa pensi, perché non parli?
Fai solo versi come Leopardi,
strilli e comandi come i gendarmi.
La mamma è vigile nei tuoi riguardi,
ma io ripenso al primo party,
la prima festa lassù in collina,
a bordo vasca, nella piscina.
L’estate è lesta, scompare prima,
si brucia in fretta, è diavolina,
ma io saprò dove cullarti,
dove giocare o rinfrescarti,
tra qualche luna, tra qualche mese,
quando quest’anno sarà a due/quarti,
e sull’amaca o sullo sdraio,
dietro una siepe, in mezzo al prato,
sarà la prima festa d’estate
che tutt’inverno abbiam sognato.

L‘amore in ogni dove

peter_cassetto

Nessuno me lo aveva specificatamente detto.
Certo potevo immaginarmelo, anche se l’immaginazione opera con elementi che bene o male fanno parte del nostro mondo interiore o esteriore.
Qua stiamo parlando di un altro universo!

Dunque vi confido questa mia intima scoperta:
Peter, ri-Peter e ancora Peter. C’è solo lui nella mia vita. Mattina e sera, soprattutto notte. Lo vedo uscire da tutti i cassetti (vedi foto : – ) e da ogni porta.

Potete leggerlo come la più dolce delle dediche di amore di un padre per un figlio. Oppure come la disperata richiesta d’aiuto di un babbo allo stremo delle sue energie dopo solo pochi mesi di paternità.
Forse, anzi sicuramente, è un po’ di entrambe.